Vai al contenuto

Luce condominiale: l’iva scende del 10%

Luce delle scale, del giardino, dell’ascensore. L’elettricità delle parti comuni nei condomini è sempre stata considerata utenza ad uso non domestico con conseguente pagamento dell’Iva al 22%. Oggi invece, l’iva per le parti comuni di unità immobiliari residenziali scende dal 22 al 10%.

Per richiedere l’IVA agevolata è necessario che l’energia condominiale sia ad uso domestico. Se prima le parti in comune non erano prese in considerazione per agevolazioni perché considerate parti “distinte e autonome rispetto alle proprietà dei condòmini”, ora le cose sono cambiate. Parti come androni, atrii e altre zone comuni, sono considerate anch’esse ad uso domestico.

E se nel condominio ci sono delle attività commerciali?

In questo caso, anche se l’edificio non è composto da sole unità immobiliari residenziali, la riduzione dell’aliquota scatta comunque se questi esercizi commerciali sono indipendenti, anche dal punto di vista energetico.

Per ogni informazione chiamate il nostro numero verde 800 295 960.
Continuate a seguirci per rimanere aggiornati su tutte le novità del mercato dell’energia.